Per il mese in Viola, i vincitori... e Benvenuta Federica!

Prima di iniziare a parlare di vincitori, di coppe, di bilanci e "pensieri", vorrei salutare la mia socia Valentina e la sua piccola, nata ieri mattina! ... Benvenuta Federica, piccolo cucciolo rosa, da parte mia ti auguro un mondo pieno di colori e tanto amore :)
Invece venendo a noi, prima di tutto GRAZIE.
Scorrendo l'elenco delle ricette che ci avete inviato constato ogni volta che siete sempre all'altezza della situazione, sempre pronte a raccogliere il guanto della sfida, portando risultati ed elaborazioni belle, fresche e piene di novità ed inventiva. Da parte nostra ogni mese c'è un'aspettativa quasi magica nel leggervi, nel vedere con quanta attenzione, cura e pazienza vi predisponete ad affrontare qualcosa di nuovo e poi a tirar fuori dal cappello magico delle vere e proprie meraviglie. Perché noi lo sappiamo che combinare colori nel piatto in modo da accordare anche i sapori, non è la cosa più banale che si possa fare in cucin.
Questo turno, in particolare è stato piacevolissimo per me, perché come sapete amo molto il colore Viola, quindi un pieno di ricette e di spunti come questo è una vera miniera d'oro!

Ecco dunque le tre vincitrici per il mese di settembre

primo posto 


Ravioloni viola di A spasso per ingredienti

Quando ho visto la pasta in due tonalità di viola, ottenuta spremendo il succo dei mirtilli, mi sono seduta ed ho ammirato, gustato con gli occhi e pure sognato... Brava Valentina, complimenti!


secondo posto


Anche qui, leggendo della gelatina fatta con il vino, aromatizzata ed usata per gustare formaggi, mi sono chiesta dove son vissuta fino ad ora..
ma si sa, c'è sempre tempo per imparare. Quando poi si tratta di cose belle e gustose, meglio tardi che mai!


terzo posto


Gamberoni con crauto viola e passito di Arbanelladi Basilico
Di questo piatto mi piacciono i contrasti nei sapori, trovo ottima la nota dolce del passito contro il gusto importante di crauto e gambero... Brava Carla Emilia. E poi trovo bellissimo anche l'accostamento cromatico tra il viola e l'arancione.


Ed ora le coppe!!

Coppa "del cavolo" 

una fantastica rilettura dei gusti abbinati da sempre dalle nostre tradizioni.


Coppa "Purple Tradition"
a pari merito


Il bosco di settembre del Gattoghiotto
un post MAGNIFICO, grazie Ambra!



Schiacciata con l'uva di il Bosco di alici
Tradizionale preparazione, per un ingrediente qui usato in maniera insolita


Coppa "Blue velvet" 

 
Pannacotta salata di Ladies Marmelade
Qui il colore e la presenza addirittura di tre tonalità stratificate, merita grande onore all'impegno per la realizzazione, oltre che per il gusto di aver individuato queste sfumature di colore così belle!


Ora vi consiglio un giro da Valentina che, super-organizzatissima, pur con la panciona degli ultimissimi giorni non ha rinunciato a prepararvi i suoi menù, programmando l'uscita del post come da copione.. una donna fantastica... ed i menù composti con le vostre ricette sono uno più bello dell'altro, non potete perderveli!

Torta marmorizzata alle carote: chi mi ama mi segua


Le aspettavo da mesi, quasi un anno e finalmente sono arrivate!
Le carote viola, per la prima volta sono entrate nella mia cucina l'anno scorso, complice l'esselunga del mio paesello, che a volte propone cose anche un po' esotiche, almeno ai miei occhi. Come fu per queste carote quanto le vidi la prima volta. Come ormai è d'abitudine per me quando vedo una cosa nuova e che non conosco, non ci ho pensato un attimo: subito nel carrello, tanto poi qualcosa ci farò!
Infatti la prima prova è stata questa torta, ma domenica mi sentivo particolarmente ispirata a giocare...
La ricetta di base è la stessa del vecchio post, la riporto comunque per maggior chiarezza.
Per la cronaca, i due assaggiatori ufficiali non hanno gradito il gioco di colori: il piccolo non l'ha voluta mangiare nemmeno per caso. Il grande lo ha fatto "per gentilezza" ... Mentre i colleghi, che non ricordavano la precedente, ne hanno fatto manbassa. Emmenomale, dico io, da qualche parte una piccola soddisfazione mi spettava, anche se mi appare chiarissimo che giocare con i colori non è cosa apprezzata da tutti.
Io però mi diverto troppo. "Chi mi ama mi segua", disse anticamente qualcuno, e tra voi ho trovato tanti, tantissimi amici ed amiche che mi seguono. A tutti voi, un pensiero colorato, di viola e d'arancio!

Viola e Arancio
Torta marmorizzata alle due carote




Dosi per una tortiera da plumcake
e 6/8 muffin

300 gr. farina di mandorle
(io mandorle passate nel bimby)
300 gr. zucchero
300 gr. carote grattugiate
(qui sono 150 viola e 150 arancio)
100 gr. farina (qui quella di kamut)
scorza di mezzo limone
4 uova
1 bustina di lievito
1 pizzico di sale

Preparare le carote frullate: prima quelle viola; poi sciaquate il mixer o comunque la grattugia e procedete con le arancio. Tenetele in due ciotole separate.
Inserire nel mixer lo zucchero e la scorza di limone grattugiata, frullare per qualche secondo, poi aggiungere le aggiungere le uova e per ultimo le farine setacciate col lievito. GTravasate metà dell'impasto nella ciotola con le carote arancio. Ora, nel mixer, versate le carote viola e fate girare per almeno un minuto, in maniera da ridurre bene il tutto ad un'amalgama omogenea, che questa volta non è venuta troppo bene, mentre nella mia prima versione era perfetto.
Rivestire di carta-forno lo stampo per plumcake, o se preferite, una tortiera di circa 25 - 26 cm. di diam. e procedete versando gli impasti, uno per volta. Io consiglio di farvi aiutare a tenere leggermente inclinata al tortiera. Quando entrambi gli impasti saranno stati versati, con una palettina o un cucchiaino, procedete a mischiare con garbo i due impasti: fate lentamente un paio di giri nell'impasto, per creare l'effetto marmorizzato.
Cuocere in forno preriscaldato a 170 gr. ventilato per circa 50 min., ma potrebbe servire più tempo, vale la prova stecchino. Va fatta raffreddare fuori dal forno.

Il primo giorno di scuola... merendina Carote, mandorle e avena

Oggi è il Primo giorno di scuola di Massimo, il mio piccolo di sei anni e mezzo. Non sono una mamma che si porta avanti per tempo, anzi sono quella dell'ultimo minuto, e così è stato anche per i preparativi per lui.
Ieri mi sono fiondata al centro commerciale, rigorosamente in pausa pranzo e per fortuna con la lista delle cose che servono, che detto per inciso è la seconda che mi faccio dare, dato che la prima ricevuta non so più dov'è finita (ma vah)!
La lista ovviamente non è stata completata, perché arrivare tardi significa trovare per puro c... l'ultima cartella del prezzo che ti va bene, significa ravanare per interi minuti in un cestone alla ricerca delle matite 2B, perché le B non vanno bene, no, sono troppo dure. E poi significa tornare a casa senza quel certo righetto da 20 cm. trasparente con dorsetto lungo, che praticamente E' INTROVABILE! E la maestra lo sa che si fa fatica a trovarlo, ma nulla, se proprio ci deve concedere un abbuono, può accontentarsi di quello con il solo pomolino invece del dorsetto. E le copertine di mille colori? All'ultimo giorno ne ho trovati due su otto... e pazienza, tanto so che non potrò mai migliorare.
Ma il vero fondo l'ho toccato al di fuori dei preparativi scolastici. E' stato l'altro giorno, proprio qui sul blog! Stavo rileggendo il mio post di inizio anno, giusto per ripassare i miei propositi e pensieri, e mi rileggevo anche i commenti, con estremo piacere ed un sorriso leggero stampato sul viso. Quando ecco che l'ultimo commento, il 4 gennaio, della cara Monica del blog Dolci Gusti mi dedicava un premio... Ora, si dà proprio quel caso per cui io potrei averlo visto ed essermi scordata di onorarlo, ma non ho nemmeno ringraziato! Quindi mi risolvo dicendo di non averlo visto, per forza, cerco a distanza di mesi, di capire come c..avolo possa essere successo, ma insomma sta di fatto che il premio giaceva in attesa di un mio sguardo.
Ecco, va bene che arrivare in ritardo in tutto è ormai nel mio dna, ma con un ritardo di nove mesi ci si fa un figlio! E qui mi fermo, perché di quel genere, di ritardi ne ho collezionati già due, con questo del premio fanno tre, spero solo che sia l'ultimo! Grazie Monica, per la ormai nota serie "meglio tardi che mai!"

E già che ci sono prendo l'occasione di onorare anche il premio di Valentina, del blog A spasso per ingredienti, che ringrazio di cuore per avermi pensata.


Come già ho fatto altre volte, non amo nominare alcuni blog piuttosto di altri, perché penso che l'impegno che ognuna di noi mette in questo "Passatempo" sono a volte oltre ogni immaginazione, quindi decido di dedicare entrambi i premi a tutte voi che passerete oggi e nei prossimi giorni: sentitevi pensate ed onorate, siete tutte nei miei pensieri!

La ricetta è semplicissima, molto leggera e salutare come piace a me. Inoltre è velocissima da fare, basta avere un buon miexer. E' una mia variante della ricetta "carote e mandorle", piccolo pensiero in notturna per la prima merendina del primo giorno a scuola del mio bambino.


Tortina Carote e Mandorle
con fiocchi d'avena


dosi per circa 20 pirottini
200 gr. carote
200 gr. zucchero
200 gr. mandorle con la pellicina
(o farina di mandorle)
3 uova
80 gr. farina 00 (ma anche di kamut è perfetta)
50 gr. fiocchi d'avena
50 gr. olio extravergine d'oliva
1 bustina di lievito.

Ho fatto con il mixer, sempre il prodigioso bimby: a velocità turbo, tritare le mandorle fino a ridurle in farina, poi con lame in movimento a vel. 5 aggiungere una carota per volta e tritare bene. Infine aggiungere uova, olio, farina e lievito. Amalgamare bene a vel. 4-5. Solo in ultimo, per non frullarli, aggiungere i fiocchi d'avena, amalgamando a vel. 2 per 30 secondi.
Suddividere in pirottini di carta, riempiendoli oltre i 3/4, dato che l'impasto non lieviterà tantissimo. Io ho messo una spolverata di fiocchi sulla superficie, mi piace una certa croccantezza.
Cuocere in forno ventilato a 160° per 8 minuti, poi 180° per altri 15 min. ma tenete d'occhio che tendono a scurire.

Risotto al cavolo viola con mirtilli



Decisamente in ritardo nel pubblicare quello che in gergo io la mia socia Valentina chiamiamo "post - traccia" di questo mese, ma il tempo sembra non bastare mai. Però, con la saggezza dell'età (si, insomma si fa per dire..!) concordo sul fatto che il tempo è relativo, anzi secondo un certo filone di pensiero, addirittura non esisterebbe nemmeno, e tutto questo, in barba agli ingranaggi che spesso trainano la mia vita al punto che mi pare certe volte di esserne imbrigliata io stessa :)
Vabbè, riporto il pensiero al mio "Pensiero Viola" che forse è meglio. Non ho fatto grandi invenzioni, quelle le lascio a voi che siete bravissime. Mi sono fermata ad un piatto semplice e comfort, molto tradizionale come un risotto. Unica nota particolare: il colore veramente inaspettato.
L'ho proposto a degli amici, nella sola versione con il cavolo, qui invece lo vedete con l'aggiunta di una nota leggermente dolce come quella del mirtillo, che ho trovato interessante. Il cavolo rosso infatti, a dispetto della grandissima presenza scenografica, non porta un grande sapore, o almeno così è stato per questo mio cespo, acquistato forse non ancora in stagione. Di certo, con qualche mirtillino in aggiunta il sapore ha tratto beneficio.
A proposito del contest "Pensieri viola" ho citato nella lista alcuni ingredienti di stagione, quindi facilmente reperibili, di colore viola o rosso porpora, ma vorrei sottolineare lo spirito del contest, che è la ricerca del colore nella pietanza. Non rientra in questo spirito usare uno o due degli ingredienti che ho citato se il risultato non arriva ad avere il cosiddetto "colpo d'occhio" in tema col mese. Osate e provate!

Risotto al cavolo viola con mirtilli


dosi per quattro persone
320 gr, riso vialone nano
600 ml. circa brodo vegetale
1/4 di cespo di un piccolo cavolo viola
1 cipolla rossa di Tropea
1 bicchiere di vino secco -anche rosso va bene-
8 cucchiai colmi di Parmigiano
60 gr. mirtilli freschi
olio, sale

Tritare la cipolla ed il cavolo finemente; soffriggere a fuoco leggero, aggiungere il riso e tostare fino a quando è trasparente, poi sfumare con il vino. Continuare la cottura aggiungendo brodo caldo e tenendo mosso. Nel frattempo cuocere i mirtilli in un pentolino, senza aggiunta di nulla a parte due o tre cucchiai d'acqua. Quando sono cotti e teneri, frullare con il minipimer o con un piccolo frullatore, se preferite potete passare la polpa al colino cinese per eliminare i piccoli semini. Io non l'ho fatto.
Poco prima del termine, aggiungere la composta di mirtilli e, prima di impiattare, regolare di sale e mantecare con parmigiano grattugiato. Tenete qualche mirtillo da parte per la decorazione finale e servite caldissimo e cremoso.
Vi aspettiamo dunque come sempre numerosi ed entusiati a Colors & Food di Settembre: "Pensieri Viola"!

Shrikhand Kulfi... Un dessert un po' orientale

Lo avevo fatto a luglio, quando faceva già abbastanza caldo. Si tratta di una procedura che avevo  trovata descritta nel fantasmagorico blog Pure per un bel dessert e poi più avanti anche la mia cara Marinella ha proposto la stessa cosa declinata sul salato, per un bel formaggio spalmabile.
Mi sono incuriosita ed ho indagato un po': si tratta di una procedura molto in uso nei paesi medio orientali per far drenare dallo yogurt greco, il siero che contiene. Si chiama Labneh e per questa "manovra" si deve procurare un cestino del genere che troviamo in commercio con dentro la ricottina fresca confezionata: ha le fessure sottili quanto basta per non far scappare lo yogurt ma solamente la parte liquida ancora presente. La parte liquida che viene liberata è solitamente un 15% del peso totale.
Poi ho fatto le mie varianti, devo dire con moltissima soddisfazione degli amici, che per la prova hanno potuto beneficiare di un assaggino come quello della foto, davvero poco. I bambini chiedevano il bis, ma trattandosi di un esperimento tutto mio, non ho voluto abbondare con le dosi nel timore che venisse una cosa indegna e da buttare. Però è così buono, fresco e naturale ed è talmente semplice da fare che l'ho rifatto. E rifatto. Sempre con grandissime soddisfazioni.
Per l'accostamento dei gusti ho preso spunto dalle ricette trovate per il kulfi, un dessert anch'esso di derivazione medio orientale a base di latte, che mi ha ispirato per la presenza del latte condensato.

shrikhand - kulfi



dosi per 8 tazzine

400 gr. yogurt greco
120 gr. latte condensato
1 bustina di zafferano
2 stelle di anice stellato
1 tazzina di latte

volendo decorare:
qualche pistillo di zafferano
oppure qualche pistacchio tritato
gocce di caramello

Procurare un  bel cestino di plastica di quelli in cui viene venduta la ricotta fresca, trasferirvi lo yogurt e metterlo a scolare in una ciotola, o un vaso leggermente più grande, in maniera che il siero possa colare attraverso le fessure.


Lasciare riposare in frigorifero alcune ore, meglio una notte. Trascorso questo tempo la crema che rimane nel cestino avrà un peso di circa 330 gr.
Nel frattempo, schiacciare le stelle di anice e metterle nel latte, lasciandole in infusione.
Dopo una notte, filtrare il latte dai semi, intiepidirlo pochi secondi al microonde e sciogliervi lo zafferano. Trasferire la crema di yogurt in una ciotola capiente, amalgamarvi il latte condensato ed il latte aromatizzato. Mescolare bene con un cucchiaio fino ad avere una crema molto densa e soda, che andrà distribuita in tazzine, ma anche piccole ciotoline andranno bene. Nel caso di volerle presentare come in foto, mettere le tazzine un paio d'ore in freezer e poi sformarlo: per semplificare l'operazione, passare lo stampo per un attimo in acqua calda e con un piccolo coltellino a lama piatta, staccare il dolce dallo stampo.
Decorare con granella di pistacchi e, piacendo, qualche goccia di caramello.

Questa ricetta è stata pubblicata su Open Kitchen Magazine di Agosto.

Colors & Food di Settembre: Pensieri Viola!


Arriva anche settembre, un mese che da sempre amo. Forse è il mese che amo di più: mi piacciono le sue temperature altalenanti, il convivere di momenti ancora caldissimi insieme a mattinate fresche e già un po' brumose, proprio come questa mattina, che parla già dell'autunno alle porte.
I colori sono ancora molto accesi ed intensi e la natura porta a termine in questi giorni la maturazione di tante verdure e frutta che sono nel tema del nostro Colors & Food... Fino ad ora vi abbiamo sempre proposto colori noti, forse il più insolito è stato il rosa, ma con Settembre oseremo al massimo.
Che dite, insolito? Ma no!!! Questo mese si Penserà in Viola!
Personalmente ho avvicinato il Viola nel piatto già da tempo e qui nel blog ne ho fatto perfino un'etichetta, trattandosi poi del colore che preferisco in assoluto.
Ma voi, carissimi amici, non spaventatevi di fronte al Viola da gestire in cucina, per aiutarvi nella scelta ho preparato una lista di alimenti, alcuni dei quali davvero di stagione, con cui potrete divertirvi a giocare e siamo certe, Valentina ed io, che saprete portare le vostre idee in piatti meravigliosi.
Daltronde la sfida, noi ve lo stiamo dicendo dall'inizio, è proprio nell'avvicinarsi anche a questo aspetto -quello dei giochi di colore nel piatto- senza trascurarne alcuno... perché si mangia prima con gli occhi!

Potrete scegliere tra uva nera, uva fragola, fichi, mirtilli, more, carote viola, patate viola, radicchio lungo, vino rosso, mosto, bucce di melanzana, cavolfiore viola, cipolla di tropea, prugne viola, polpo cotto... e tutto quello che nel piatto vi semprerà prendere le sfumature che fanno al caso nostro.
Non abbiamo voluto complicarvi il gioco con richieste che avevamo in precedenza, ma saranno ovviamente graditissimi i contrasti di consistenza, una certa freschezza nell'accostamento di gusti insoliti, qualche petalo viola... perché gli esami superati nei mesi scorsi abbiano lasciato un segno e possiamo dire che le nostre piccole lezioni siano state acquisite :) Insomma: Stupiteci ancora una volta!!

Le regole sono le solite, come per ogni mese:

1)      Inserire il link alle vostre ricette (numero aperto) a commento di questo post dal 5 al 25 del mese corrente;
2)      Possono partecipare solo i possessori di un blog;
3)      Inserire il banner qui sopra (relativo al tema del mese) nel post della ricetta partecipante e nella home del vostro blog (oppure nella pagina dedicata ai contest);
4)      Valgono le ricette postate dopo la pubblicazione di questo post, quindi dal il primo giorno del mese;
 Potete partecipare anche ad altri contest contemporaneamente con la ricetta che proponete
Qui le ricette partecipanti:

1)  Mozzarella di bufala ripiena e petali viola di Chatapoche
2)  Insalata di cavolo rosso di Q.C.ne
3)  Cremoso al sambuco di La cucina di Mamma
4)  Aperitivo in viola di Una cena con Enrica
5)  Vellutata di cavolo rosso di Briciole di delizie
6)  Gelo di uva fragola di La cuisine de Tantocaruccia
7)  Insalata settembrina di Maggie in cucina
8)  Insalata di fichi e prosciutto di Cook Alaska
9)  Blueberry muffin di Murzillo saporito
10) Gelato alle more di Non solo piccante
11) Tortilli con speck e radicchio di Un giorno senza fretta
12) Gelato all'uva fragola e yogurt di Una stella tra i fornelli
12) Polpette di melanzane di Sapori in concerto
13) Crostata di susine di Sapori in concerto
14) Macarons francesi ai mirtilli di La falena celiaca
15) Marmellata di more di Eightdaysweek
16) Crumble di fichi e prugne di La cucina di Monique
17) Budino ai mirtilli di Love cooking
18) Riso viola di Creativa per gioco e per passione
19) Ravioli in viola di L'ennesimo blog di cucina
20) Gelée alle susine di Sapori in concerto
21) Farfalle ai fichi di Un pinguino in cucina
22) Risotto mirtilli e fontina di Julie and Julia cooking
23) Pollo all'uva di Maggie in cucina
24) Gnocchi in viola di Ricette in tacchi a spillo
25) Cuscus di cavolfiore viola e calamari fritti di Via delle rose
26) Crema di cavolo viola e patate di Love cooking
27) Strudel con susine e speck di Un pinguino in cucina
28) Cupcake frutti di bosco e cioccolato di Il fantastico mondo di Cliv
29) Rose viola di crauti e ricotta di Profumo di semplicità
30) Gelatina al gutturnio e profumo di ... di Cookingtherapy
31) Timballo di riso agli acini d'uva di Pentola caliente
32) Bocconcini di nasello con cipolle caramellate ai pinoli di The greedy doctor
33) Crostini di breaola, fichi e formaggio di Zonzolando
34) Budino di riso e salsa di racinedda di Dolci armonie
35) Cioccolatino alla lavanda di Cucina tollerante
36) Sformatino di patate viola e paté, chutney di mirtilli di Arbanella di basilico
37) Roselline di pancetta su letto di prugnole selvatiche di La cucina tollerante
38) Polpettine di patate ed uva di la cucina di Monique
39) Risotto con riduzione di vino rosso di Cookalaska
40) Pesche ripiene con salsa all'uva fragola di Zibaldone culinario
41) Marmellata di prugne alla lavanda di The dreamingseed
42) Pannacotta ai mirtilli di Penna&forchetta
43) Tortini di mele al vino di Sapori di Elisa
44) Semifreddo ai mirtilli Glutabye di Arricciaspiccia
45) Involtini alle prugne in salsa al balsamico di Un pinguino in cucina
46) Fiorellini al bergamotto alla marmellata di more di Cucina nonna Virgi
47) Torrette di verdura al prosciutto di Arbanella di basilico
48) Macedonia d'autunno con briciole speziate di Love cooking
49) Semifreddo barbabietola e cocco di Insalatamista
50) Rosti di patate con stracchino di Arricciaspiccia
51) Zuppa di cavolo viola, mele e salsiccia di Pici&castagne
52) Gelato al mirtillo di Cucina tollerante
53) Maccheroni alla rapa rossa di L'ennesimo blog di cucina
54) Lonza di maiale con salsa dolce di Il colore della curcuma
55) Dessert in viola di L'ennesimo blog di cucina
56) Ravioli di mirtilli ed asiago di A spasso per ingredienti
57) Bomba viola spagnoleggiante di Farina Zero Zero
58) Schiacciata con l'uva di Il bosco di alici
59) Tartare di barbabietola di Golositandovi
60) Cannelloni di spada croccanti di Meditandum
61) Marmellata di mirtilli di Sere in cucina
62) Il bosco di settembre di Gattoghiotto
63) Cheesecake viola di Ma come cucini
64) Strudel filante con tartufo e uva nera di L'omin di panpepato
65) Penne integrali ai mirtilli e zafferano di No sugar please
66) Sformatino di cavolo cappuccio di Come un fiorellino di rosmarino
67) Torta caramellata ai fichi di A tutta cucina
68) Involtino di cavolo viola, con riso ai mirtilli e more di La valigia sul letto




Ricette fuori concorso:

Pain d'epices e confettura di more di My taste for food
Risotto al cavolo viola e mirtilli di Essenza in cucina
Fichi e cioccolato di Eightdaysweek
Pizza e fichi di July and Julia cooking
Vellutata di cipolle rosse e topinambour di L'ennesimo blog di cucina
Autumn cheesecake di No sugar please



© ESSENZA IN CUCINA

This site uses cookies from Google to deliver its services - Click here for information.

Professional Blog Designs by pipdig